>> Beta-alanina beta alanina ; come,quando e perche’!
Beta-alanina beta alanina ; come,quando e perche’!

Molti  dei  migliori  atleti  che  conosco  (non  solo  nel  body  building)  inseriscono  nella

loro  tabella alimentare di integrazione la BETA-ALANINA. Vediamo di capire il perché. beta alanina powerhousenutriton

La  Beta alanina innanzitutto è un aminoacido che, al contrario dell’alfa alanina, non va a  comporre  le  proteine e gli enzimi  ma  funge  da  precursore  della CARNOSINA che è un dipeptide, cioè  un prodotto derivato dall’unione di due aminoacidi, di cui uno è la Beta alanina e l’altro è la L-istidina.

Beta alanina e L-istidina formano insieme la carnosina, ed è proprio la carnosina ad avere eccezionali proprietà che interessano all’atleta.

Prima  di  proseguire  però  occorre  rispondere  ad  alcune  domande  che  sicuramente  vi starete ponendo:

-Perchè non integrare direttamente con la carnosina?

-Perchè non utilizzare anche la L-istidina oltre che alla Beta alanina?  

beta alanina powerhousenutrition

Per rispondere brevemente ad entrambi i quesiti, è utile prima ricordare che senza abbastanza Beta-alanina il corpo non può produrre carnosina in modo efficace, il che significa che le funzioni cellulari essenziali sono ostacolate,inoltre e’ ci sono evidenze che dimostrano che l’ istidina presa singolarmente non influenza le scorte della carnosina

 

Rispondendo ora alla seconda  domanda , le evidenze scientifiche mostrano che il corpo assorbe molto più velocemente Beta alanina presa singolarmente rispetto alla carnosina.

La carnosina infatti prima di essere assorbita dalle cellule, in particolare dalle cellule muscolari, deve essere scissa (idrolizzata) nei due amminoacidi costituenti per poi finire dal sangue alle cellule ed essere utilizzati come tali o per produrre nuova carnosina. Per questo la soluzione più economica e vantaggiosa è quella di assorbire direttamente Beta alanina.

Mentre per ciò che riguarda l’istidina, è stato scientificamente dimostrato che non ha influenza sull’accumulo di carnosina nel muscolo. Emerge dalla letteratura che il fattore limitante per la sintesi di carnosina è la Beta-alanina (beta alanina) e non la L-istidina. La Beta alanina al contrario dell’istidina, è dunque in grado di accrescere le concentrazioni muscolari di carnosina. Si stima infatti che l’ingestione orale di 4-6g di BETA-ALANINA al giorno, per 4-10 settimane, aumenti le concentrazioni di CARNOSINA del 40-80%. Il più recente studio finora pubblicato, datato 8 Dicembre 2016, mostra che dopo 4 settimane di assunzione di 6,4g di Beta alanina al giorno, il contenuto muscolare di carnosina è incrementato del 55% su 25 atleti giovani e fisicamente attivi.

Vi ricordo che si tratta di studi e che hanno unicamente valore scientifico e non di prescrizione o consiglio, si ricorda al lettore che per i dosaggi bisogna attenersi alla posologia indicata in etichetta del prodotto o a quanto stabilito dal professionista che vi ha in cura

 

Quindi, appurato che è la Beta alanina che fa la differenza sulle scorte di carnosina vediamo i vantaggi che dà all’organismo questo dipeptide:

  • Ritarda l’affaticamento muscolare e migliora la performance e resistenza
  • Ha effetto Antiossidante e Antiaging
  • Aumenta le  capacità  cognitive, protegge i neuroni  e l’organismo  da  radicali  liberi,  AGE,  patologie tipiche dell’età avanzata
  • Previene il sovrallenamento
  • Migliora la contrazione vascolare e la vascolarizzazione
  • Se combinata  con  la  creatina e caffeina massimizza gli  effetti  anabolici e di IMG_3852

diminuzione della massa grassa

  • La Beta-alanina oltre a costituire la carnosina, è un componente principale del dipeptide ANSERINA(si trova nell’encefalo dei mammiferi e funge da trasmettitore) e soprattutto della VITAMINA B5 (acido pantotenico), che a sua volta è un costituente del Coenzima A, coinvolto nel ciclo di krebs e nella beta ossidazione degli acidi grassi.

 

La Beta alanina viene ampliamente consumata sotto forma di integratore per la sua funzione ERGOGENICA, ovvero di miglioramento delle performance fisiche. È utile negli sport sia di breve durata e alta intensità sollevamento pesi, body building che in quelli di resistenza e di combattimento come corsa, nuoto, calcio, basket, tennis, judo, boxe perché, attraverso la produzione di carnosina, svolge la FUNZIONE DI TAMPONE in grado di contrastare gli ioni H+ derivati dall’acido lattico che acidifica il sangue a seguito di uno sforzo fisico. La β-alanina e carnosina permettono quindi di eseguire più ripetizioni prima che giunga l’affaticamento muscolare. RITARDARE L’AFFATICAMENTO MUSCOLARE significa che β-alanina e carnosina promuovono l’aumento dello sforzo nel tempo e della performance, fattori chiave per la CRESCITA MUSCOLARE e AUMENTO DELLA FORZA e DELLA RESISTENZA. In assenza di carnosina, l’acido lattico intaccherebbe il tessuto muscolare acidificandolo, portando come risultato all’affaticamento del muscolo e tutta una serie di scompensi metabolici.

. L’effetto tampone non solo neutralizza l’acido lattico ma aumenta contemporaneamente le riserve di ATP necessarie per una contrazione muscolare più duratura. La carnosina agisce anche come ANTIGLICANTE, ANTIOSSIDANTE, ANTIAGING, in grado di proteggere le cellule neuronali e combattere i radicali liberi, fra cui i ROS (specie reattive dell’ossigeno) che sono una forma di radicali liberi dannosi per i lipidi di membrana, proteine, acidi nucleici. La beta alanina è inoltre in grado di sopprimere la formazione degli AGE (prodotti finali della glicosilazione avanzata) dannosi per l’organismo e contrastare le patologie tipiche dell’età senile come diabete, arteriosclerosi, Alzheimer. Qualsiasi classe di età può giovare infatti degli effetti benefici della Beta alanina, tant’è vero che l’utilizzo del prodotto ha avuto ottimi riscontri su uomini e donne di mezza età con un aumento significativo dei tempi di resistenza allo sforzo fisico e un miglioramento delle CAPACITÀ COGNITIVE.

La sinergia -Alanina – Creatina permette invece di massimizzare l’efficacia di quest’ultima in termini di riduzione della massa grassa e guadagno di massa muscolare. Lo stesso effetto brucia grassi si ottiene combinando -Alanina – Caffeina.

È invece da evitare il consumo simultaneo di Beta alanina e Taurina poiché i due competono per il medesimo meccanismo di assorbimento e condividono lo stesso trasportatore. La beta alanina infatti non solo inibisce il trasporto di taurina, ma è in grado di ridurre le concentrazioni di taurina muscolare del 50% dopo 1 mese e può ridurre anche il contenuto di taurina epatica del 60%. Ricordiamo che la taurina o acido 2-amminoetanosolfonico è una sostanza che ha interessanti funzioni fisiologiche ed è importante per l’organismo perché è antiossidante, disintossicante, osmoregolatore, stabilizzatore di membrana, neuromodulatore, antidepressivo, regolatore dei canali ionici, del livello di calcio minerale e della contrattilità. Perdere taurina attraverso l’escrezione urinaria vuol dire esporre maggiormente i tessuti ai danni ossidativi e altre patologie e disfunzioni. Però l’organismo è in grado di rispondere adeguatamente all’ingestione di Beta alanina e all’espulsione di taurina. La taurina è sintetizzata a partire da amminoacidi contenenti zolfo come la cisteina. Quando la beta alanina induce il corpo a espellere taurina, il corpo risponde alla perdita di taurina, ritenendo più cisteina, così da avere il materiale di partenza per ricostituirla.

L’EFFETTO COLLATERALE che può manifestarsi dopo l’assunzione di beta alanina è la PARESTESIA, beta alanina powerhousenutritionovvero la tipica sensazione di formicolii, irritazione, pizzicore o bruciore della pelle. Questi effetti sgradevoli possono iniziare a presentarsi dopo 20 minuti dall’assunzione e protrarsi fino a un’ora di distanza. La parestesia colpisce le orecchie, fronte, braccia, il dorso delle mani e infine la colonna vertebrale e i glutei. La causa scatenante la parestesia, che colpisce in genere i soggetti più sensibili, sono le alte dosi di beta alanina (dosi maggiori di 0,8g) e soprattutto l’ingestione del principio attivo puro. Alcuni studi dimostrano infatti che se assunta in soluzione con altri prodotti che ne favoriscono un rilascio lento e costante nel tempo, e non immediato,come per es. l’ Idrossipropilmetilcellulosa (HPMC), un derivato della cellulosa che garantisce un assorbimento più lento e duraturo della beta alanina gli effetti della parestesia migliorano notevolmente

Veronese Enrico

 

 

prodotto correlato clicca qui     BetaAlanina

 

BIBLIOGRAFIA

A.M. Asatoor, J.K. Bandoh, A.F. Lant, M.D. Milne, F. Navab. Intestinal absorption of carnosine and its constituent amino acids in man. Gut – BMJ Journals, 1970, Vol. 11(3), pp. 250–254

  1. Blancquaert, I. Everaert, W. Derave. Beta-alanine supplementation, muscle carnosine and exercise performance. Current Opinion in Clinical Nutrition & Metabolic Care, 2015, Vol. 18(1), pp. 63-70
  2. Boldyrev, E. Bulygina, T. Leinsoo, I. Petrushanko, S. Tsubone, H. Abe. Protection of neuronal cells against reactive oxygen species by carnosine and related compounds. Comparative Biochemistry and Physiology, 2004, Vol. 137(1), pp. 81-88

G.M.P. Brisola, G.G. Artioli, M. Papoti, A.M. Zagatto. Effects of Four Weeks of β-Alanine Supplementation on Repeated Sprint Ability in Water Polo Players. Plos One, 2016, pp. 1-13

R.J. Dawson, M. Biasetti, S. Messina, J. Dominy. The cytoprotective role of taurine in exercise-induced muscle injury. Amino Acids, 2002, Vol. 22(4), pp. 309-324

  1. Décombaz, M. Beaumont, J. Vuichoud, F. Bouisset, T. Stellingwerff. Effect of slow-release β-alanine tablets on absorption kinetics and paresthesia. Amino acids, 2012, Vol. 43(1), pp. 67-76
  2. Derave, M.S. Ozdemir, R.C. Harris, A. Pottier, H. Reyngoudt, K. Koppo, J.A. Wise, E. Achten. beta-Alanine supplementation augments muscle carnosine content and attenuates fatigue during repeated isokinetic contraction bouts in trained sprinters. Journal of Applied Physiology, 2007, Vol. 103(5), pp. 1736-1743
  3. Furst, B. Williams, A. Massaro, C. Miller, P.J. Horvath. β-Alanine Supplementation Improved Workload Capacity and Cognitive Function of Middle Age Individuals. The FASEB Journal, 2016, Vol. 30(1)

A.R. Hipkiss. Glycation, ageing and carnosine: are carnivorous diets beneficial? Mechanisms of Ageing and Development, 2005, Vol. 126(10), pp. 1034-1039

C.D.A. Kratz, V. de Salles Painelli, K.M. de Andrade Nemezio, R.P. da Silva, E. Franchini, A.M. Zagatto, B. Gualano, G.G. Artioli. Beta-alanine supplementation enhances judo-related performance in highly-trained athletes. Journal of Science and Medicine in Sport, 2016, pp. 1-6

S.Y. Lee, Y.C. Kim. Effect of beta-alanine administration on carbon tetrachloride-induced acute hepatotoxicity. Amino Acids, 2007, Vol. 33(3), pp. 543-546

  1. Murakami, M. Furuse. The impact of taurine- and beta-alanine-supplemented diets on behavioral and neurochemical parameters in mice: antidepressant versus anxiolytic-like effects. Amino Acids, 2010, Vol. 39(2), pp. 427-434
  2. Sale, B. Saunders, R.C. Harris. Effect of beta-alanine supplementation on muscle carnosine concentrations and exercise performance. Journal of Amino Acids, 2010, Vol. 39(2), pp. 321-333
  3. Saunders, V.D.S. Painelli, L.F.D. Oliveira, V.D.E. Silva, R.P.D. Silva, L. Riani, M. Franchi, L.D.S. Gonçalves, R.C. Harris, H. Roschel, G.G. Artioli, C. Sale, B. Gualano. Twenty-four weeks β-alanine supplementation on carnosine content, related genes, and exercise. Medicine & Science in Sports & Exercise, 2016, pp. 1-47

A.E. Smith, A.A. Walter, J.L. Graef, K.L. Kendall, J.R. Moon, C.M. Lockwood, D.H. Fukuda, T.W. Beck, J.T. Cramer, J.R. Stout. Effects of β-alanine supplementation and high-intensity interval training on endurance performance and body composition in men; a double-blind trial. Journal of the International Society of Sports Nutrition, 2009, Vol. 6(5), pp. 1-9

J.R. Stout, J.T. Cramer, M. Mielke, J. O’Kroy, D.J. Torok, R.F. Zoeller. Effects of twenty-eight days of beta-alanine and creatine monohydrate supplementation on the physical working capacity at neuromuscular fatigue threshold. The Journal of Strength & Conditioning Research, 2006, Vol. 20(4), pp. 928-931

 

Beta-alanina beta alanina ; come,quando e perche’! ultima modidfica: 2017-01-20T12:32:38+00:00 da Dott. Veronese Enrico Nutrizionista